Apertura orti comunali

Dal rischio “Grannaso” (fusione) a “Corearolo o Cinarolo”, come dire, dalla padella alla brace.

Il sindaco di Granarolo in maniera poco democratica, decide senza consultare i consiglieri, senza consultarsi con i capigruppo, di tenere chiusi gli orti comunali, trascurando anche l’ordinanza della REGIONE EMILIA-ROMAGNA, Atto del Presidente DECRETO Num. 66 del 22/04/2020 BOLOGNA

ORDINA
Che l’ordinanza approvata con proprio precedente decreto n. 61 dell’11 aprile 2020 sia integrata con le seguenti disposizioni:
1. Sull’intero territorio regionale a far data dal 23 aprile 2020 e sino al 3 maggio 2020:
a) è consentita la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo anche all’interno di orti urbani e comunali. Tali attività
potranno avvenire esclusivamente all’interno del proprio comune di residenza;

Giuseppe Minissale
Capogruppo della lista civica “Alternativa per Granarolo”

Un commento su “Apertura orti comunali”

  1. Oggi è il giorno della leberazione il nostro comune si fa le leggi come vuole ti multa se non ti attieni alle ordinanze ma e lui il primo a non rispettarla

    Rispondi

Lascia un commento

Benvenuto!

Iscriviti alla Newsletter!
Ti invierò ogni tanto una newsletter contenente approfondimenti o eventi interessanti. T
i informerò delle iniziative inerenti il mio impegno istituzionale. Sarà utile per conoscere eventi organizzati che potrebbe interessare anche te.
Grazie ancora e buona giornata